Sergio Andrei – Pulp

ANNO: 2021
GENERE: cantautorato urban

PROTAGONISTA: Personaggio eclettico, che si muove tra la scrittura cinematografica e quella musica, tutt’uno con la città di Roma, ma non una Roma qualsiasi, quella più colorita, ubriaca e distorta. Cresciuto con la passione per la scrittura, in particolar modo per la canzone d’autore ed in seguito la sceneggiatura. Due forme di narrazione: nella prima la bellezza della sintesi e dello sfogo cantato, nella seconda la pazienza che termina in una composizione di insieme. A teatro esordisce come attore nel “Le belle notti“, dove casualmente viene notato da Cristina Caremoli iniziando così a recitare. Ha avuto ruoli in “Non c’è campo” (di cui cura anche la colonna sonora con una sua canzone), “Don Matteo”, “Scomparsa”, “Che dio ci aiuti” etc… Il 28 gennaio 2022 esce il suo primo album “Pulp”. 

INGREDIENTI: Qui dentro troverete le storie da bar che pensavate di aver dimenticato, una Roma descritta come in un film di Tarantino, personaggi grotteschi e senza filtri, che si finisce ad amare con distacco, ondeggiando su movenze pop. Sergio Andrei è un narratore eccellente che riesce a calarti in un mondo che non lascia spazio a fraintendimenti, le sue parole descrivono un bar che è impossibile immaginare in un modo diverso. Accenni rap, un disco personale che si può cantare anche in macchina con gli amici, un equilibrio perfetto che nasce in un momento di pubblicazioni numerose, che si perderà nei meandri di Spotify e che speriamo di aiutarvi a ritrovare.

DENSITA’ DI QUALITA’: Più che un disco lo definirei, un film così low coast che ne è rimasta solo la colonna sonora, un mondo descritto da chi è rimasto da solo, di chi ha paura di ritrovarsi solo e depresso, che ha fatto troppo tardi la sera, e che non ha nessuna intenzione di smettere.

  • 7/10
    Voto - 7/10
7/10

Giudizio riassuntivo

Più che un disco lo definirei, un film così low coast che ne è rimasta solo la colonna sonora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.