A maggio esce il secondo album degli Smuggler Brothers

A distanza di quattro anni dal loro omonimo primo album, gli Smuggler Brothers torneranno il prossimo 10 maggio con Musione, che sarà realizzato dalla milanese Schema.

Con questo sophomore, prodotto nientemeno che da Massimo Martellotta dei Calibro 35, la band siciliana ha voluto rendere omaggio alla library music e alle colonne sonore che hanno reso l’Italia famosa in tutto il mondo.

Un incontro riuscito tra il periodo morriconiano più psichedelico, suggestioni afroamericane e arrangiamenti avventurosi, un mix micidiale che rende Musione davvero affascinante: “È il risultato finale del nostro attuale assetto (da otto a cinque elementi), nasce dalla voglia di sperimentare nuove direzioni artistiche, partendo da generi musicali a noi più congeniali come il funk cinematico, la library music, le colonne sonore e trae linfa vitale dalla nostra Palermo e dalla Sicilia in generale”, dichiara Roberto Orlando (chitarra, mandolino).

Le tredici tracce dell’album rappresentano delle istantanee che raccontano luoghi e personaggi dell’isola, e in tal senso la presenza di Massimo Martellotta in veste di produttore è stata determinante: “Il suo approccio ti spinge a prendere coscienza di ‘come suonare’, più del ‘cosa’ suonare, come in ‘Gran Fango’ che è una perfetta sintesi della sua visione artistica. Dopo averlo composto e suonato in un certo modo, il brano è stato smontato, rallentato e rimontato in una forma semplificata che tende a portare in primo piano la costante ricerca del ‘groove’. In generale, tutto il sound del disco rispecchia questa sua visione”, continua Orlando.


Seguici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *