Daniele Faraotti: nessuna filosofia estetica, solo libertà

Cosa significa strano? Beh sul tema occorrerebbero mille ore di dibattiti infuocati. Di certo è vero che il format ha formattato tutto. Ed è altrettanto vero che dalla nostra parte, sempre immersi nel format, un qualche punto di riferimento dobbiamo pur giocarlo onde evitare di andare alla deriva. Ma ascoltando Faraotti e questo “Phara Pop Vo. 1”, la deriva perde di senso e al suo posto nasce spontaneità, nasce libertà, nasce il vero senso dello scrivere che è solo mirato a compiere se stesso. Non c’è una ratio che debba rispondere a regola, non esiste una filosofia primigenia che determina e costruisce. Esiste solo il vero ed unico scopo che significa espressione. Di fronte a tutto questo siamo chiamati all’ascolto e qui, tanti per non dire troppi, cadono inermi di fronte ad abitudini umane di curiosità e avventura che il succitato format ha polverizzato. Siamo sempre alle solite… dunque cosa sia strano non lo sappiamo neanche noi. Di certo questo nuovo disco di Daniele Faraotti è la prova certa che la musica ha un’unica ragione possibile: libera espressione dell’esistenza.

Esce “Phara pop vol.1” e noi ritroviamo un filo conduttore nel modo che hai di mettere assieme i suoni e le sue forme. Ma forse è soltanto una nostra impressione. Esiste una filosofia estetica nel tuo modo di scrivere?

Chissà, forse, quando sarò morto, qualcuno    scribacchierà due robe sulla  filosofia estetica del mio modo di scrivere. Bah, guarda….

proprio non saprei. Si scrive. Si riempie il sacco e qualcosa si restituisce. In fondo non ho scritto molto – se mi capita di ri – ascoltare il lavoro di questi anni, qualche tratto distintivo  nella scrittura delle canzoni  lo colgo.

Al saggio estetico filosofico su Faraotti comunque non credo.

E in generale, parlando dei testi e delle canzoni… esiste un filo conduttore? Possiamo parlare di concept?

Concept no. Ci sono quattro canzoni che omaggiano la mia infanzia/adolescenza dobbiacense.  Sono: “Johnny b. Good 74”, “due mona”, “DeZo” e “Dan e Isolde”.

Dentro canzoni “pop” troviamo sfumature di jazz ma anche sfumature di prog… la forbice è estesa… se dovessimo chiederti la tua naturale propensione?

La propensione è del momento. Del momento in cui scrivo. Se il beat tira un po’ verso modalità jazz, il walking bass potrebbe anche insinuarsi spontaneo (risatina).

Mi guida l’istinto. Quello che posso dirti è che ricerco la varietà. Delle vituperate coerenze non me ne faccio niente. La musica è musica.

Tanta la difficoltà di far pace con una forma strana della musica. Sicuramente l’omologazione in tal senso ha distrutto ogni cosa. E tu che alla libertà compositiva restituisci la ragione delle tue scritture, come ti ci confronti, come ti ci rapporti?

Ma sai, se ascolti una canzone e vuoi sentire sempre la stessa canzone, ti conviene farti una compilation su spootify e ascoltare  quella.

“Se quello che faccio non vi interessa, no vi piace, avete sempre Michele Jackson”. Così Frank a tal proposito.

Evidentemente il format ha formattato tutto. Non solo il format naturalmente. Anche  gli argini potentini – no, non gli argini di Potenza. Ci siamo capiti.  In realtà l’omologazione è solo apparente. C’è molta stranezza in giro e per fortuna.

La musica la si ascolti. Viene scritta per quello. Che significa strano? Che non ci sono 25 ripetizioni del ritornello? E per fortuna…

Speriamo solo che le macchine non rendano il compositore  sempre più pigro  – così da farlo propendere solo alla connessione di cavi e a subire  il risultato con stupore ebete stampato in volto.

E infine perché soltanto il disco 2 di “Phara Pop vol.1”? E perché soltanto in fisico il lavoro finale?

È stato Paolo Tocco a consigliarmelo. Dice che  così si tiene desto il focus sull’album per un po’ (risatina).

Poi ci sono i tempi tecnici per la stampa del vinile. Ci vuole un po’ per stampare il vinile. Insomma, settembre mi pareva il mese giusto. Dovrebbe uscire sotto il segno della Bilancia. Il lavoro comunque uscirà completo anche in digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.