Emma Nolde @Tunnel Milano – 12 maggio 2022

Ottima partenza per GLASSA il ciclio di appuntamento organizzati da Via Aduio e Conza al Tunnel di Milano, siamo stati a vedere Emma Nolde artista ormai prossima al secondo album seguito dell’ottimo Toccaterra ormai di due anni fa.
Andiamo con ordine: la prima a salire sul palco di un Tunnel discretamente riempito è Marat, romana one-girl band che ci intrattiene piacevolmente per una buona mezzora trovando la chiave giusta tra loop e improvvisazioni per accattivarsi il pubblico.
Dopo un rapido cambio Emma Nolde, snella e aggraziata sale sul palco per partire con la potente Resta e subito si nota la carica e la determinazione della cantante toscana che con le seguenti Sfiorare e la nuova Voci Stonate rivela un lato sorprendentemente solido dell’impianto live dei brani.

credit Luca Bertoni

Cosa ancora più evidente con i ‘classici’ che la vedono al piano e dove Emma dà il meglio: il singolo Un mazzo di chiavi, un ombrello, lì in mezzo ( la parte di Generic Animal sarà poi cantata dal pubblico), Toxic (cover di Britney Sprear) voce e chitarra, (male) e Ughi dedicata alla stramba nonna, la vedono sì nel suo lato più cupo e introspettivo ma è evidente la maturità della voce e dei brani. Il finale del concerto è un susseguirsi di pezzi movimentati, alcuni quasi rap come Berlino e Respiro, il finale quasi d’obbligo è con Nero Ardesia, suo, per ora brano più noto.
La sorprendente facilità e disinvoltura che ha dimostrato Emma sul palco sono un gran segno di maturità, così i brani cresciuti sia come esecuzione che come arrangiamenti.
Dopo una serata così non possiamo che aspettare il secondo lavoro con la certezza che non potrà deluderci.

credit Luca Bertoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.