Moltheni – Io Non Sono Come Te EP

GENERE: cantautorato minimale.

PROTAGONISTI: Moltheni e Pietro Canali.

SEGNI PARTICOLARI: registrato tra l’Italia e la Svezia la scorsa primavera. I brani, secondo quanto dichiarato dall’autore a ‘Rockstar’, non sono degli scarti dell’ultimo album ‘Toilette Memoria’, ma sono nati dopo la sua realizzazione.

INGREDIENTI: senz’altro il lavoro più essenziale di Moltheni, da questo punto di vista. Infatti, nelle le sei canzoni, troviamo solo la voce, dal timbro sempre morbido e delicato, la chitarra acustica quasi sempre arpeggiata ed il piano Wurlitzer. Di basso e batteria nemmeno l’ombra.

DENSITA’ DI QUALITA’: ciò che rende straordinario questo EP è il fatto che, al talento naturale del suo autore, si aggiungono profondità e coraggio in quantità industriale. La profondità è data da accompagnamenti strumentali strutturalmente molto semplici ma talmente intensi da risultare particolarmente incisivi, e da testi mai così ermetici ed al contempo molto evocativi. Il coraggio è dato dalla scelta di non monetizzare la quadratura del cerchio ottenuta con ‘Toilette Memoria’, ma di proporre canzoni dalla fruibilità molto meno immediata. Troppo spesso si ascolta musica mentre ci si reca al lavoro in metropolitana, o mentre si guida chiacchierando con gli amici, oppure mentre si c*zz*gg*a al computer, ed insomma con la mente rivolta a ciò che si sta ascoltando in modo solo parziale; per apprezzare queste canzoni, invece, è necessario sdraiarsi immobili, lo sguardo perso nel vuoto ed il pensiero rivolto a null’altro che a loro, con tutto il resto del mondo lasciato da parte, almeno per questi 20 minuti. Saranno probabilmente pochi gli ascoltatori che avranno voglia di immergersi nell’EP in modo appropriato, ma per chi lo farà il risultato sarà incredibilmente appagante.

VELOCITA’: andamento lento, che più lento non si può.

IL TESTO: le prime parole cantate da Moltheni sono esemplificative della difficile accessibilità dei testi ed insieme della loro capacità di evocare stati d’animo moderatamente tormentati: “Quando mi compri sai che poi non mi mangi. Quando mi butto al largo nuoti con me. E’ come dire a un Cristo: sanguina meno. Guardo nel fieno e mi accorgo che non ci sei.”

LA DICHIARAZIONE: Moltheni a ‘Rockstar’, prima di iniziare le registrazioni dell’EP: “Siamo molto contenti e vogliamo fare una cosa molto disinteressata, senza pensarci troppo; sono cose che abbiamo in mente che buttiamo giù.”

IL SITO: Moltheni.org oppure Myspace.com/moltheni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *