Coma Berenices – Archetype

ANNO: 2020
GENERE:
strumentale/sperimentale
ETICHETTA:
La Lumaca Dischi

PROTAGONISTA:
I Coma Berenices sono la nuova scommessa in casa Lumaca Dischi e rappresentano una bella scommessa pure all’interno di un ambiente musicale abbastanza di nicchia, che punta direttamente agli ascoltatori attenti e pieni di voglia di andare oltre le parole. Il disco in questione s’intitola “Archetype”. La band fondata da Antonella Bianco(chitarra elettrica, tastiere) e Daniela Capalbo (chitarra elettrica, chitarra acustica, mandolino), muove ottimi passi verso un sound personalissimo e molto evocativo.

INGREDIENTI: Prendete dei musicisti, metteteli dentro una stanza e cominciate a farli conoscere solamente con il suono delle loro note, guardate fuori dalla stanza e vi accorgerete che è ormai sera e che le ore sono passate in meno di un secondo. Atmosfere sognanti, acustiche e quasi primitive a condire un progetto che cerca di posizionarsi al meglio tra tutto ciò che è bello e tutto ciò che ha un valore artistico molto importante senza sminuirsi ne perdere valore commerciale.

DENSITA’ DI QUALITA’: Il disco vi verrà venir voglia di suonare la chitarra, di suonare qualsiasi cosa, perchè gli arpeggi, gli arrangiamenti e la concezione musicale della band riescono in un certo qual senso ad ispirare parole ed emozioni che difficilmente riuscirete a trovare. Un sound simile è difficile da spiegare o da trovare in qualche altra band, per farvi avere una migliore idea pensate ai Beirut che fanno l’amore con i Kings of Convenience sperimentando l’importanza di non dire una parola e qualche tempo dispari. Troppo difficile da immaginare? Spero di no. Per tutto il resto, cliccate play e lasciatevi trasportare.


  • 8/10
    Voto - 8/10
8/10

Giudizio riassuntivo

Mix di sonorità acustiche strumentali ben definite. Idee chiare da parte di una band che tende con un’ottima prospettiva futura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *