Sparring Project – Soundtrack For Contemporary Stories

ANNO: 2019
ETICHETTA: MACHIAVELLI MUSIC
GENERE: STRUMENTALE, COLONNA SONORA

PROTAGONISTI: Se siete stati attenti musico-fili con l’occhio rivolto alla scena italiana, non vi sarà certo sfuggito il nome di Pugile (anche banalmente se siete stati al TOdays di Torino due anni fa), un progetto che affonda le proprie radici nel post rock, ma cresce e si arricchisce di tutto il retaggio della nuova scena indie, chiamasi anche it-pop. A prendere le distanze da ondeggiamenti e ritornelli, questo raffinato side-project (composto da Elia Pellegrino, Matteo Guerra e Leo Leonardi) di musica dilatata, eterea, diffusa, che si articola su cinque temi diversi in quindici tracce totali.

INGREDIENTI: Ampi respiri elettronici strumentali, la volontà di creare un universo a sè, desertico ed essenziale, variazioni su cinque temi che si contorcono e distendono, ad elaborare un trauma alla ricerca della pace mentale, un viaggio che entra nel profondo e si impone come universale. Più semplicemente, o non proprio, loro spiegano il tutto così: «Seduto sul bus che porta in centro guardo fuori dal finestrino: i lavoratori del mercato la mattina presto, una coppia innamorata, le dita di una madre che stringe quelle della figlia. Sparring Project è questo: un lungo viaggio verso un mondo in cui tutto è musica»

DENSITÁ DI QUALITÁ: Sempre di matrice post-rock, ma praticamente incatalogabile, e del suo non-genere questo Soundtrack For Contemporary Sound fa il suo punto di forza. Libero da qualsiasi schema e stratificato di influenze, questo disco così curato e puro ha dalla sua lo studio e la dedizione di voler portare al pubblico qualcosa di nuovo e minuziosamente studiato. La musica strumentale, soprattutto dal jazzocore al noise, si avvale spesso dell’improvvisazione, del caos, del perdersi senza ritrovarsi, che spesso avere una direzione una fine diventa rassicurante. Consigliato!

Un viaggio che entra nel profondo e si impone come universale
  • 8/10
    Voto - 8/10
8/10

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *