Esce oggi il nuovo album di Alessandro Fiori

Oggi, 4 novembre, esce il quarto album di Alessandro Fiori. il titolo è Plancton e l’etichetta è la Woodworm, publishing Ala Bianca. Fiori ha detto così a proposito del disco: “Plancton è il mio KID-A“.

Dalla lunga presentazione, estraiamo quelli che per noi sono i passaggi più significativi, dai quali si capisce che il mood del disco è profondamente diverso rispetto al passato dell’artista: “La natura del disco – registrato in combinazione tra supporto digitale e nastro magnetico – è frastagliata, fatta di elettronica organica e nano-particelle concrete, pure o elaborate. Le componenti elettroniche del disco – eccezion fatta per “Margine” (traccia germinale composta in totale autonomia) – sono state gestite insieme a FRNKBRT e Tasto Esc. Il suo mood è piuttosto scuro, conseguenza naturale di un’immersione profonda laddove il sole fatica a rischiarare. Viene meno la fiducia nella specie umana: l’opera suggerisce la reiterazione del dolore in una dimensione ciclica che ne esalta la pena. Unico esempio di amore possibile nel disco è quello completamente gratuito e incondizionato di un anziano signore nei confronti della moglie ormai incapace di riconoscerlo a causa dell’Alzheimer. Non è un caso se è perenne l’incombenza della morte: il disco è stato infatti composto dentro una forbice di tempo delimitata dal suicidio di due cari“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *