Interview – nicedays

Esce venerdì 1 aprile 2022 “damalpensa“, il primo singolo del progetto nicedays: pop dalla venature urban e lo-fi direttamente dalla pianura padana, alter ego di Nathan Schinocca e primo assaggio di un disco in arrivo questa primavera. “damalpensa ha un testo che gioca su 2 scenari ben distinti: il lungomare e l’aeroporto, entrambi posti predisposti alla contemplazione, dove puoi farti trascinare in altri mondi. Un brano sul rimorso, ma anche sul sogno di andarsene via e ricominciare tutto. Esiste però una forte paura nell’affrontare le scelte passate e future, ma anche una sorta di redenzione nel convincersi che non è importante farsi affossare dalle paure, ma vivere ogni momento a pieno.

Abbiamo deciso di fargli qualche domanda!

1) Quali sono le tue influenze musicali, qualcosa che non ci aspetteremmo?

Ciao, in realtà sono abbastanza incastrato dentro gli anni 90, al punto da averci trovato molto del sound del disco. Sono un grande fan del math rock giapponese, ma cerco di non dirlo troppo.

2) Di cosa parla il tuo singolo di debutto “damalpensa”?

É una canzone che ho scritto in un momento di cambiamento della mia vita, infatti l’ho un po’ usata come autoterapia per esorcizzare le paure che avevo (e che ho ancora credo). Fondamentalmente parla dei rimorsi del passato e dei dubbi sul futuro, due dimensioni che vengono guarite dall’idea di vivere nel presente.

3) Cosa significa avviare un progetto musicale in questo periodo di rinascita?

É stato difficile organizzarsi emotivamente e concretamente in un periodo simile. credo che la gente abbia voglia di poter “sentire” qualcosa di nuovo per rilanciarsi in un’ottica di normalità, che ci manca a tutti tanto.

4) Quanto è stato importante per te il contesto di Milano per iniziare a fare musica?

Tanto. venendo da un paesino della provincia di cremona, ed essendo sempre stato un chiusone, sin da piccolo ho sentito l’esigenza di arrivare in un contesto più stimolante. milano mi ha offerto tanti spunti di riflessione e tante possibilità di crescita artistica che ho cercato più o meno di cogliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *