Interview – Massimetto

Dal 3 settembre sarà disponibile in rotazione radiofonica “… DI MODA”, il nuovo singolo di MASSIMETTO.

“… Di moda” è la storia di un amore a prima vista con una ragazza conosciuta al mare, talmente bella che l’autore a malapena riesce a presentarsi, ma ci prova lo stesso cantandole l’iconico “Hello, I love you. Won’t you tell me your name?” dei Doors. Utilizzando lo stile di Jim Morrison e citandone gli indimenticabili successi, Massimetto ci regala una canzone d’amore che vuole anche essere un omaggio all’artista scomparso cinquant’anni fa.

Come nasce la figura artistica di Massimetto e cosa contraddistingue la sua musica?

Massimetto c’è sempre stato, quando mi presentavano i cantanti dei tanti gruppi che ho suonato era così: al basso Massimetto, senza pronunciare il cognome. Quando nel 2016 è uscito il mio primo ep, ho deciso di lasciare semplicemente Massimetto. La mia musica è un mix di blues, soul e r&b cantato in italiano, c’è chi ancora non capisce che i miei pezzi provengono da quei generi e c’è chi conosce quei generi e non accetta il fatto che sono in italiano. Tutto questo già mi contraddistingue.

Raccontaci il tuo ultimo brano: come nasce e come è stata la sua lavorazione?

Ho conosciuto una ragazza al mare, c’è stato un po’ d’imbarazzo nelle presentazioni. Tornato a casa l’ho descritta in una canzone e usando un rit dei Doors, gliela avrei voluta cantare cosi: Hello i love you, won’t you  tell me your name. Ho creato il mio solito provino, accenno di chitarra, basso la linea guida della voce e come faccio di solito, poi la giro ad un mio amico arrangiatore che l’ha finita di sistemare.

Cosa ne pensi della scena musicale italiana e come pensi di poterla arricchire?

Sono legato molto ai cantautori, quelli storici: Vasco, Liga, Dalla, De Gregori poi ci sono quelli degli anni 90: Silvestri, Gazzè, Fabi, Tiromancino, Negrita, anche gli ultimi sono molto bravi: Brunori, Tommaso Paridiso e il nostro concittadino Calcutta. Gli altri generi non mi appartengono, anche se oggi vanno tanto ma poi domani?? Domani riuscirà qualche altro grande pezzo di qualche artista che ho sopraelencato, la qualità torna sempre a galla!

Quanto sono importanti i social nella riuscita di un progetto musicale?

Moltissimo, nel mio caso un po’ meno. I live sono importanti per me, conoscere nuovi fan e incrementare casomai i miei follower, sicuramente sono veri!

C’è un artista con cui sogni di poter avviare una collaborazione? 

C’è un artista che stimo e nella sua musica c’è molto blues è: Alex Britti, ho avuto la fortuna di conoscerlo e vederlo suonare prima che diventasse famoso, mi piacerebbe fare un pezzo con lui o una tournee come open ai suoi concerti.

Puoi darci qualche anticipazione sui tuoi prossimi progetti?

Farò uscire altri due singoli per poi stampare l’album completo e portarlo direttamente al consumatore nei miei live. Spero che si possa risuonare nei club, teatri e auditorium, lo speriamo tutti! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.