Girless & The Orphan – Nothing To Be Worried About Except Everything But You

GENERE: folk-rock, folk-punk, indie-pop.

PROTAGONISTI: Tommaso Gavioli (Girless) da quando ha quindici anni ha imbracciato la chitarra del padre e ha cominciato a scrivere canzoni, Franz Coccia (The Orphan), invece, ha un passato in band punk ed è entrato a fare parte di questo progetto solo nel 2009. Per la realizzazione di questo loro esordio sulla lunga distanza, i due musicisti riminesi si sono fatti aiutare da Michael Barletta (batteria) e Davide Ramilli (basso). Appaiono inoltre Bart dei Cosmetic (distorsioni), Paride Piccinini dei Riviera (tromba) e Fabio Celli dei Delay House (basso).

SEGNI PARTICOLARI: debutto per la band romagnola, dopo un paio di ottimi EP usciti lo scorso anno e uno split insieme ai Verily So. “Nothing To Be Worried About Except Everything But You” è stato prodotto, mixato e masterizzato da Andrea Muccioli e Ivan Tonelli e registrato agli Stop Studio di Rimini.

INGREDIENTI: con i primi due EP si erano ottenuti riscontri assai convincenti, ma questo debutto sembra dare un ulteriore segnale di miglioramento. I Girless & The Orphan alternano brani folk-punk caratterizzati dalla velocità assai elevata e da un pizzico di positiva follia e ricchi di notevole grinta e di totale esaltazione che possono far tornare in mente certi pezzi di Frank Turner, a ballate più personali e rilassate, molto dolci, romantiche e gentili che danno all’ascoltatore un grande senso di pace e tranquillità .

DENSITA’ DI QUALITA’: ciò che colpisce subito di ‘Nothing To Be Worried About Except Everything But You’ è la sua immediatezza, la sua facilità nell’ascolto, è un album di cui ci s’innamora subito: siano i ritmi lenti e deliziosi di ‘The Speechless One’ , canzone così intima che porta quasi al pianto e che è capace di emozionare con le sue toccanti melodie oppure quelli di ciò che sembra essere una scheggia impazzita dal nome di ‘Mein Vatikampf’, dalla durata di nemmeno due minuti, dove una batteria dirompente, una voce disperata e una tromba dal sapore militaresco, interrompono quello che sembrava un dolce inizio. Ed è proprio la batteria spesso ad essere protagonista in questo esordio della band riminese, anche in un brano dall’aspetto più pop come il bellissimo ‘Bad Scene, Your Fault’, dove il drumming intenso di Michael Barletta sembra voler bombardare sopra al ritmo veloce della chitarra folk che caratterizza il pezzo. Nella delicata ‘It’s Your Job To Keep Class-Worm Elite’ sono una chitarra leggera e la voce tranquilla di Girless a recitare la parte delle protagoniste, con una tromba altrettanto morbida che le accompagna; la conclusiva ‘Calleth You, Mocket I’ è un alternarsi tra delicatezza e intensità in un continuo crescendo e riesce a creare una piccola magia piena di sentimenti tra cui la passione e la disperazione, ma anche l’amore, l’unica cosa per cui valga veramente la pena lottare. ‘Nothing To Be Worried About Except Everything But You’ contiene comunque nove brani di una buona qualità e dal profumo internazionale in una buona combinazione tra pop leggero e folk-punk adrenalinico e rabbioso: un esordio interessante per la band romagnola che, a nostro avviso, potrebbe aumentare presto il numero dei suoi fan.

VELOCITA’: decisamente variabile, si passa da un pezzo molto lento ad un altro dal ritmo assai veloce senza nemmeno una pausa.

IL TESTO: “And you hate the homosexuals / You might be in the grace of the Vatican / You might as well be close to heaven” gridano arrabbiati i Girless & The Orphan in ‘Mein Vatikampf’.

LA DICHIARAZIONE: Girless a “il mucchio.it” riguardo al loro sound folk dal sapore americano: “Volutamente o meno, ci è riuscito più naturale avvicinarci ad un sound che si distanziasse dai canoni della musica italiana, che poi è già abbastanza varia di per sé. E la trovo una cosa buona, in fin dei conti: preferiamo scrivere testi in inglese, e il folk moderno al giorno d’oggi in Italia non ha ancora preso molto piede.”

IL SITO: ‘Myspace.com/girlessrock

Seguici!
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *