Nuovo video per Mosé Santamaria

Lo scorso dicembre, Mosé Santamaria ha pubblicato il proprio disco di debutto, intitolato #RisorseUmane. Nel disco, l’autore “riprende la lezione di cantautori come Franco Battiato e Juri Camisasca e di filosofi quali Jodorowsky e Gurdjeff portandoli in uno dei tanti bar della provincia cronica italica. Chitarre, piano e intelaiature elettroniche a base di beat digitali, synth analogici e squarci astrali sono gli ingredienti di una manciata di tracce animate da quello che Mosè chiama misticismo quotidiano”.

Ora è il momento di un nuovo video, “realizzato tra il Lago di Fimon e Vicenza per la regia di Giacomo Capraro, che ha scelto di girare in un bianco e nero ad alta definizione caratterizzato da inquadrature leggermente rallentate. Il protagonista del video – incarnato dallo stesso Mosè Santamaria – è un uomo disorientato e sognante, che vaga tra una natura onirica e una metropoli ritratta come un labirinto di cemento. Immerso nelle proprie illusioni e perplessità, viene costantemente guidato dalla sensazione che tutto ciò che lo circonda è una realtà illusoria figlia delle proprie proiezioni inconsce“.

Il brano scelto è Mine Vaganti. “Il significato del brano e del video è che l’essere umano è fondamentalmente vittima e ostaggio di se stesso, delle sue convinzioni, del lignaggio familiare, di un clan che lo vuole in un certo modo per adempiere e realizzare un sogno che non è il suo. L’unica alternativa che apparentemente rimane è il venire considerato come la pecora nera di un dramma già scritto da generazioni in un copione prestabilito. Nel video ho voluto sottolineare l’importanza del peregrinare alla ricerca di quella coscienza intermittente capace di contrastare una realtà in precario equilibrio quotidiano“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.