Al via le semifinali del Rock Contest

Scattano oggi, 25 novembre, le semifinali del 28° Rock Contest, concorso nazionale di musica per artisti e band emergenti organizzato dall’emittente radiofonica Controradio e del quale siamo media partner. I 12 gruppi rimasti, selezionati nel corso di cinque eliminatorie tra i 30 partecipanti, suoneranno sul palco del Glue Alternative Concept Space di Firenze (viale Manfredo Fanti 20), divisi tra stasera e venerdì prossimo, 2 dicembre. I migliori 6 parteciperanno alla serata finale che si terrà sabato 10 dicembre all’Auditorium Flog (via Michele Mercati, 24/b), dove saranno valutati da una giuria composta da nomi illustri del giornalismo musicale italiano e da affermati musicisti. Tra questi ultimi: Alberto Ferrari dei Verdena, Colapesce, IOSONOUNCANE, Giulio ‘Ragno’ Favero del Il Teatro degli Orrori e Max Collini.

Venerdì 25 novembre saranno in gara gli Handlogic, trio fiorentino dal sound elettronico e minimale; i Ros, progetto dalle influenze alternative rock nato in provincia di Siena; i bresciani Lenostrepaure, chitarre immediate e graffianti testi urlati in italiano; Nu., al secolo Filippo Infante, artista livornese che arricchisce composizioni per piano e voce con campionamenti e beat elettronici; i Maldives, formazione milanese con un approccio indie e composizioni che sanno di lounge e di esotico; e infine i Plateaux: un’immersione nel folk rock cosmico americano di fine anni ’60, sempre da Milano.

Venerdì 2 dicembre riflettori puntati su Manitoba, elettronica, garage e dream-pop per un progetto fiorentino tra cultura italiana e la tradizione rock britannica; Sinedades, tropicalismo, colori flamenco e atmosfere folk anni ’70 sempre da Firenze; Light Whales quattro musicisti trentini che uniscono elettronica, pop e folk in un mix originale; Kick_, duo bresciano che prende il via dal trip hop e dal cosiddetto “Bristol Sound” per esplorare generi differenti, dallo shoegaze al synth pop, fino al noise; Handshake, formazione fiorentina ispirata alla storia del rock psichedelico; e Soundsick, progetto anconetano tra rock alternativo, crossover, progressive, post rock, grunge e psichedelia.

Dice il direttore artistico Giuseppe Barone: “Sempre più eterogeneo e variegato, il mondo della creatività giovanile in musica fotografato dal Rock Contest 2016 non si fa ingabbiare in troppo scontati cliché. Così è facile farsi sorprendere dalla riscoperta del tropicalismo e del folk dei Sinedades, dall’approccio adulto e colto dei pur giovanissimi Handlogic, dall’esotismo vintage e indie di Le Maldives, dalla fredda intensità dell’elettronica dei Kick_, dal rock intenso di ROS e Soundsick, dalla purezza rumorosa ed urgente degli appena ventenni Lenostrepaure, dall’anfetaminica verve di The Manitoba, dalla consapevolezza dei Nu., ma anche dalla personalissima rilettura della musica di matrice “sixties” di Handshake e Plateaux o dal caleidoscopico universo musicale dei Light Whales, portavoce di una generazione troppo spesso “sola davanti alla tecnologia”. Universi musicali anche profondamente diversi, pronti a confrontarsi ma, come nella tradizione del Rock Contest, anche a conoscersi e magari a collaborare nelle due imminenti serate semifinali, perché il Rock Contest, più che una gara è un punto di incontro, di relazioni, di scambio di esperienze e conoscenze“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *