I dischi dell’anno 2015

Si chiude un altro anno e, immancabile, arriva il giochino delle classifiche. A noi il giochino diverte e non ci siamo voluti far mancare il piacere di farlo, consci che normalmente le reazioni dall’esterno sono di biasimo per la mancanza di questo o di quell’altro disco. Il parere collettivo della redazione, una volta visti i risultati delle somme matematiche delle singole votazioni, è comunque positivo su questa classifica, quindi ovviamente speriamo che piaccia anche a voi lettori. Volendo tracciare un bilancio di cosa ci ha proposto la musica italiana nel 2015, i bei dischi non sono mancati e il tasso di varietà è stato piuttosto ampio. Sia in questa classifica, che nelle recensioni che vi proponiamo con continuità, non c’è uno stile dominante e di solito questo significa che ogni artista o gruppo ha lasciato andare la propria creatività senza farsi condizionare da quanto avviene attorno. Infine, non può mancare uno sguardo al 2016, che prevede già a gennaio l’arrivo di due dischi molto attesi come quelli dei Perturbazione e dei Brothers In Law, con I Cani che seguiranno a febbraio; noi comunque speriamo che la qualità sia diffusa al di là dei nomi noti e che sboccino nuovi talenti, che è sempre una bella cosa.

20. Aucan – Stelle Fisse
aucan

RECENSIONE // STREAMING

Merita un posto d’onore tra le proposte più atipiche e stimolanti del movimento.

Brano chiave: Grime 3

20 (pari merito). Yakamoto Kotzuga – Usually Nowhere
yakamotokotzuga

STREAMING

Un cambio stilistico che porta giovamento al giovane producer veneto.

Brano chiave: Futile

19. Calcutta – Mainstream
calcutta1

RECENSIONE // STREAMING

Il best case scenario è che sia solo uno molto scarso con le parole ma con una visione cantautorale molto buona e contemporanea

Brano chiave: Cosa Mi Manchi A Fare

 

18. Go!Zilla – Sinking in Your Sea
gozilla

RECENSIONE // STREAMING

Interessante e consistente, ci lascia con la voglia di ascoltare presto ancora nuova musica da parte dei Go!Zilla.

Brano chiave: Sinking In Your Sea

17. Black Eyed Dog – Kill Me Twice
blackeyeddog

RECENSIONE // STREAMING

Seduce l’ascoltatore e lo porta nel proprio mondo.

Brano chiave: Heartbreaker

16. Cesare Basile – Tu Prenditi l’amore Che Vuoi e Non Chiedermelo Più
cesarebasile

RECENSIONE // STREAMING

Un excursus filologico che permette di scrutare nelle periferiche delle menti dei buoni e dei cattivi che occupano le società odierne.

Brano chiave: Franchina

Seguici!

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *