Dente @ Santeria Social Club, Milano 03/12/2019

Torna finalmente Dente, con quel suo mondo itinerante, surreale e onirico e decisamente ironico. Questa volta in Santeria Social a Milano, con quel bar all’ingresso e quel via vai di artisti e artistoidi, Giudo Catalano, poi compare anche Angelica e Morgan. Ogni volta che ai concerti di Dente c’è sempre quella sensazione di essere in mezzo alla Milano Bene Indie di vecchia generazione e, al di là della musica, non è davvero una brutta cosa per qualsiasi appassionato di musica trovarsi in mezzo a tante facce conosciute che magari popolano le nostre playlist Spotify. E quindi eccoci qui, anche questa volta, senza nemmeno un album fuori (dando per scontata l’immensa bravura di Giuseppe Peveri aka Dente a prescindere), ad aspettare che inizi uno dei concerti più attesi del magro mese di dicembre.

La data di zero di quello che sarà un nuovo tour di cui sentiremo molto parlare, in cui è tutto più delicato, tratti classici e diladatati, in cui anche i brani che abbiamo più amato si danno decisamente un calmata indossando una veste più intimista, a partire da quei Vieni a vivere che vengono sussurati da tutta la sala e quei Fatti viva o dimmi almeno dove sei. Dente passa come sempre dalla chitarra al pianoforte, una battuta dietro l’altra ad intervallare una canzone triste, a cui ne segue una ancora più triste. I sentimenti con la data di scadenza, l’ironia della sorte, e la tristezza urbana, è ancora tutto lì, senza i Plastic Made Sofa e senza fronzoli, tutto più diretto e incredibilmente efficace.

Colpiscono i brani nuovi, da Adieu che ormai già ben conosciamo, Cose dell’altro mondo, L’ago della bussola e una meravigliosa L’unico difetto che hai, sono io che solo Dente avrebbe potuto scrivere. Nessuna smentita, mai nessuna ripetizione, e sempre un grande sospiro di sollievo che l’assenza di uno dei cantautori più intensi e originali di questo decennio, e probabilmente anche del prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.